Disabilità: non è possibile escludere dall’assegno di invalidità parziale le persone fragili inserite nel mondo del lavoro.

“Occorre intervenire per scongiurare che le sentenze sull’assegno di invalidità parziale, recentemente recepite dall’Inps, si trasformino in un’insopportabile penalizzazione per i lavoratori con disabilità con un conseguente disincentivo al lavoro.

Chiediamo al Governo ed al Parlamento di emanare urgentemente una norma che consenta di mantenere l’erogazione di questa misura anche in costanza di rapporto di lavoro.

Non è possibile escludere dall’assegno di invalidità parziale le persone fragili inserite nel mondo del lavoro. Al nostro Paese servono vere politiche di inclusione lavorativa volte a sostenere concretamente il reddito e la professionalità di tutti i lavoratori con disabilità.”

Queste le dichiarazioni del Segretario generale Uilp Carmelo Barbagallo e del Segretario confederale Uil Domenico Proietti a seguito del messaggio pubblicato dall’INPS, lo scorso 14 ottobre, con cui l’Istituto rende noto che lo svolgimento di un qualunque lavoro, a prescindere dalla misura del reddito percepito, anche sotto la soglia precedentemente prevista di 4.931,29 euro l’anno, preclude il diritto all’assegno mensile di invalidità civile.


Leave your comment